Immobiliare Belvedere Giulianova
Associato FIAIP

CONSULENZE E SERVIZI IMMOBILIARI


Siamo presenti su Cercacasa.it

Giulianova

Dati di fatto Giulianova - Il Belvedere

Giulianova: provincia di Teramo
Superficie: 27,4 kmq
Altitudine: Lido 3 metri s.l.m.; Alta 61 metri s.l.m.
Popolazione: 21.977 (rilevazione febbraio 1998)
Nome abitanti: giuliesi
CAP: 64022 Lido e Annunziata; 64021 Paese; 64020 Colleranesco

Posizione geografica
Giulianova si estende lungo la costa adriatica, delimitata a sud dal fiume Tordino e a nord dal fiume Salinello. La città è suddivisa in quattro quartieri: il Lido, che costituisce la zona balneare e di rilevanza turistica; l'Annunziata, nella zona sud dove nacque e si sviluppò in origine la colonia romana di Castrum Novum; il paese, dove si trova il centro storico che poggia, fino ad una altitudine di 61 metri, sulla collina a ovest; Colleranesco che, insieme con Case di Trento, costituisce la diramazione del nucleo urbano verso le zone agricole alle spalle della collina.

Condizioni climatiche
Clima marino, umido con estati calde e arieggiate, particolarmente nella zona collinare.

Collegamenti

  • Strada statale Adriatica 16 verso Ancona (114 km) e verso Pescara (39 km).
  • Strada statale 80 verso Teramo (25 km) con ricongiungimento all'Autostrada A24 verso
    l'Aquila (100 km) e verso Roma (220 km) attraverso il Traforo del Gran Sasso, e all'Autostrada A14 (casello Mosciano Sant'Angelo-Giulianova a 5 km a ovest).
  • Importante Stazione Ferroviaria sulla linea Adriatica per Bologna e Bari e per Teramo
    capoluogo e provincia.
  • Giulianova è a 40 km dall'aeroporto di Pescara.
  • Terminal della linea marittima turistica Giulianova-Kastela-Sholta (Croazia).

Attivitą economiche

La pesca, il turismo, il terziario sviluppatissimo sono i cardini dell'economia di Giulianova.
La presenza di un porto funzionale e di un mercato ittico all'ingrosso fra i più importanti della costa garantisce lavoro e reddito a molti operatori nel settore della pesca. Il Lido, naturalmente, concentra le maggiori attività, dirette e indotte, legate al Turismo: sia nelle zone centrali che in quelle adiacenti al lungomare si estende la rete alberghiera, supportata dai campeggi (agli estremi nord e sud) e dagli stabilimenti balneari, ma anche da numerosi ristoranti ed esercizi commerciali. Nella zona del quartiere di Colleranesco, lungo la Statale 80 per Teramo, e nella zona nord di via Galilei, lungo la Statale 16 da e per Ancona, è particolarmente fervida l'attività artigianale. In questo campo Giulianova vanta alcune fabbriche rinomate nel mondo fin dall'Ottocento, quali il premiato confettificio Erminio Orsini che si distingue per i confetti e liquore Doppio Arancio, e la premiata ditta Giuseppe Ianni e Figli, nota per la costruzione e riparazione delle fisarmoni­che. In continua crescita la presenza di banche e istituti di credito, che danno vigore sempre maggiore al movimento finanziario. Le attività commerciali e finanziarie, i servizi, le scuole, i maggiori uffici amministrativi, l'ospedale, la pretu­ra, gli enti socio-assistenziali distribuiti in tutto il territorio, completano il tessuto sociale ed economico di Giulianova, uno fra i centri più importanti dell'intera provincia di Teramo e dell'Abruzzo.

Monumenti

Duomo San FlavianoGiulianova - Sal Flaviano
Dedicato al patrono, San Flaviano è una costruzione rinascimentale del XV secolo a pianta ottagonale, sormontata da una cupola coperta da mattoni a squame. Sorge probabilmente sui resti di un antico tempio. All'interno è custodito un reliquiario d'argento risalente al 1396, opera dell'orafo Bartolomeo Di Paolo da Teramo.
Santa Maria a Mare
Chiesa di antichissima origine, forse anteriore al XII secolo. Bellissimo il portale duecentesco, con capitelli decorati a gigli e con diciotto quadretti di ispirazione cristiana. È monumento nazionale. Torrione il Bianco
E il più grande dei resti delle antiche mura che cingevano l'antica Castel San Flaviano diventata Giulia nel 1470, dopo la ricostruzione del conte Giulio Antonio Acquaviva, duca di Atri, per accogliervi la popolazione di Castrum Divi Flaviani. E sede del museo archeologico dei reperti rinvenuti dall'originaria colonia romana, Castrum Novum, del III secolo a.C.
Chiesa di Sant'Antonio
Edificata nel 1560 circa, in stile romanico all'origine, ospitava frati minori francescani che vivevano nel vicino con­vento fuori le mura. L'interno, restaurato dall'artista locale Roberto Macellaro, è in stile barocco.
Santuario Madonna dello Splendore
II santuario è dedicato alla Madonna che, secondo la tradizine, apparve a un umile contadino di nome Bettolino il 22 Aprile 1557, proprio nel luogo in cui sorge la costruzione stessa alla quale è annesso il convento dei cappuccini. All'interno, la statua della Vergine, finemente scolpita e lavorata, e il pozzo miracoloso dove avvenne l'apparizione. Il complesso comprende una bellissima via Crucis, lungo la via Bertolino, il Museo d'Arte dello Splendore e la Biblioteca Conventuale Padre Candido Donatelli.
Pinacoteca civica Vincenzo Bindi
La pinacoteca si sviluppa in sei sale, al piano superiore della biblioteca. La prima raccoglie dipinti di varie scuole del Settecento, fra cui, per citare i rappresentanti più noti: Salvator Rosa, Francesco Solimena, detto l'"Abate Ciccio", e Luca Giordano. La seconda ospita famosi artisti di origine abruzzese, fra gli altri Pasquale Celommi, Filippo Palizzi, Francesco Paolo Michetti, Raffaele Pagliaccetti, più noto come scultore. Nella terza sala, pittori stranieri quali Moreau, Kauffman, Voler, oltre a Luigi IX, Sartorio, Ciardi. Anche nella quarta sala si trovano opere di alcuni stranieri quali Pitloo, Hachert, Vernet, che giunti a Napoli per qualche giorno, vi rimasero poi per tutta la vita integrandosi nella famosa Scuola di Posillipo. Nella quinta sala ancora rappresentanti della Scuola di Posillipo napoletana. Vi si trovano ceramiche, vasi, anfore, orologi in bronzo, suppellettili di gran pregio. L'ultima sala è dedicata agli artisti della dinastia Carelli, in particolare al suo massimo esponente, Consalvo.
Sala Raffaello Pagliaccetti
Ospita importanti opere dello scultore nato a Giulianova nel 1839 ed ivi morto nel 1900, esponente di spicco del verismo fiorentino.
Casa Vincenzo Cermignani
Vi sono esposte le opere del pittore nato a Giulianova nel 1902 ed ivi morto nel 1971, dopo un esilio in Francia come perseguitato politico.
Cappella de Bartolomei
Cappella gentilizia dell'importante famiglia De Bartolomei; costruita nel 1876, raccoglie bassorilievi e sculture del Pagliaccetti.
Casa Gaetano Braga
Sito natio del noto violoncellista giuliese dell'Ottocento, autore della famosa serenata La leggenda Valacca. Oggi è Centro di documentazione musicale. Al Braga è dedicato un monumento all'ingresso del centro storico.
Monumento a Vittorio Emanitele II
Opera in bronzo di Pagliaccetti, in ricordo della visita del re alla città nell'otto­bre 1860, sulla via per l'incontro con Garibaldi a Teano.

Tradizione e Folklore

Giulianova - Il torrioneLa festa in onore della Madonna dello Splendore viene celebrata a Giulianova in grande stile nel centro storico, in ricordo dell'apparizione di Maria a un umile contadino, Bettolino, avvenuta, il 22 aprile del 1557, nello stesso luogo in cui è stato edificato il santuario della Madonna dello Splendore. Ad esso sono annessi il convento dei padri cappuccini e, di recente, un importante museo d'arte. Oltre che per le varie iniziative religiose, culturali, folkloristiche e spettacolari, la festa richiama decine di migliaia di frequentatori in occasione della corsa dei cavalli di galoppo con fantino, che si tiene il 21 Aprile. L'antica corsa dei berberi attraversa il centro storico, pavesato di stendardi e gonfaloni sui balconi e sulle finestre degli anti­chi edifici della città alta, mentre la folla saluta gioiosa cavalieri, bande e sbandieratoli.

Sempre nel centro storico, nel periodo luglio - agosto, l'Estate giuliese propone una serie di manifestazioni di teatro, musica classica e jazz, opere liriche, operetta e balletti classici, arti visive, balli in piazza, mostre di antiquariato, che valorizzano anche la preziosa pinacoteca Vincenzo Bindi, i musei, i monumenti e gli splendidi ambienti architettonici di piazza Buozzi e piazza della Libertà, con il suo affascinante Belvedere. Il programma dell'Estate giuliese comprende, inoltre, concerti di can­tanti e gruppi musicali di fama nazionale e internazionale nel parco Chico Mendez e la serie di concerti delle serate al Kursaal nel bellissimo terrazzo del palazzo in stile liberty, sul lungomare. Al Kursaal si svolgono anche importanti mostre e stagioni concertistiche autunnali e invernali, come il Gran Concerto di Natale. Al Lido la festa popolare più tradizionale, nella prima decade di agosto, è dedicata alla Madonna del Portosalvo, protettrice dei marinai e dei pescatori. Nella giornata di chiusura si svolge una suggestiva processione in mare durante la quale le barche in gran pavese fanno corona al motopeschereccio che ospita a bordo il simulacro della Vergine. La fedeltà e la vicinanza dei giuliesi alla vita di mare sono testimoniate da un altro appuntamento di notevole partecipazione popolare: la Settimana del mare, organizzata dalla locale Associazione marinai d'Italia a metà luglio con un corollario di iniziative di vario genere culturale. Principale scopo è la divulgazione del pesce, in particolare di quello azzurro. Successo e seguito ottiene la manifestazione Castelli di sabbia, una gara di costruzioni in sabbia fra gli stabilimenti balneari. Da alcuni anni, nei giorni di Santo Stefano e dell'Epifania, viene allestito uno straordinario Presepe vivente che anima i caratteristici locali, le stradine e le piazzette del centro storico con una bellissima serie di scene ispirate alla Natività di Gesù. Alla Salita Montegrappa, la scalinata di collegamento fra il Lido e la città antica, che viene defi­nita una "piccola Trinità dei Monti", vengono programmate mostre, sfilate di moda, mercatini dell'antiquariato e dell'artigia-nato tipico locale e abruzzese.

Ultime News


Crisi Immobiliare

“Mutui e prestiti ancora più sani e condizioni di mercato
chiare nelle compravendite immobiliari”


Case Vacanza

TURISMO: "CASE PER LE VACANZE" LA NUOVA LEVA PER LO SVILUPPO


Crisi Immobiliare

“Mutui e prestiti ancora più sani e condizioni di mercato
chiare nelle compravendite immobiliari”


Tutte le news